martedì 6 maggio 2014

Ho la Silbanite.

Ognuno di noi ha un posto in cui riesce a staccare la spina
(da tutto e tutti) 
e ricaricare le batterie come si deve.

Io ho la fortuna di potermici rifugiare ogni volta che lo desidero, devo solo organizzare le valigie di  bimbe-marito-cane (non fraintendete, Matteo è autosufficiente e si fa la valigia da solo), pregare Dio che non ci sia Bora, guidare per 7 ore, prendere un catamarano e chi s'è visto s'è visto.


A Silba il tempo si ferma.


Qui non circolano macchine e nemmeno biciclette, al bazar ti pesano la frutta e scrivono il prezzo a penna direttamente sul sacchetto di carta, non è detto che si trovino i pannolini per i bimbi e non è detto che ci sia carne da comprare ogni volta che ne hai voglia, parlo di surgelati, scordatevi la macelleria.





A Silba non è ancora arrivato l'euro, si vive con le Kune e molta spensieratezza.




 Il bene più prezioso è l'acqua.

Non esiste un acquedotto, ma solo cisterne che raccolgono acqua piovana, ogni inverno ci si augura che sia abbastanza piovoso. Ci si fa la doccia se è davvero necessario e ci si lava i denti come se si fosse in campeggio in tenda, far scorrere a vuoto l'acqua dal rubinetto è un errore da non commettere.




La frutta e la verdura hanno un sapore diverso, le pesche sono più succose, le patate più dolci.
Il pane fatto a mano ogni mattina non regge alcun paragone nemmeno con il panificio più buono della tua città.




A Silba passeggi e sei sempre circondata da profumo di Bosso, di Fico, di pino marittimo, di iodio, di ulivo, di terra..è un profumo che esiste solo lì e se si potesse racchiudere in una boccetta lo venderei a peso d'oro.




A Silba non esiste una farmacia, non esiste un ospedale.
Meglio procurarsi tutto il necessario prima di sbarcare sull'isola e individuare subito la casa del dottore.




Si sbarca con una valigia, dentro 25 costumi e un paio di jeans. Il resto è superfluo, anche le scarpe. 
Qui si vive con infradito, sale nei capelli e pareo.


L'acqua del mare è cristallina, per vedere i pesci e le stelle marine basta guardare giù, verso il fondo del mare...e non serve essere dentro all'acqua.



Silba non è un'isola per tutti,
ma è un'isola per tutti quelli che sanno adattarsi alle esigenze della natura, spesso e volentieri i bambini si abituano prima di noi..il primo giorno senza internet sembra impossibile, dal secondo in poi adori anche solo l'idea di rimanere "fuori dal giro" e rientrare per scelta grazie al bar dell'isola munito di wi-fi.




Silba è un'isola decisamente selvaggia, 
è un ritorno al passato, a quando si viveva senza il superfluo, è un'isola di passeggiate, di lunghi bagni in mare, di gite in barca, di sole caldo sulla pelle e salsedine sulle labbra.
E' profumata anche quando piove, e correre lungo il mare con un acquario sotto i piedi è emozionante, aspettare il sole che tramonta è puro spettacolo.


Ogni volta che torno a casa faccio sempre troppa fatica a ritornare alle mie abitudini,
abbandonare temporaneamente la magia di quel luogo non è facile.

La chiamiamo Silbanite o Mal di Silba e l'unico modo per curarlo è tornare...e tornare...
e tornare...e tornare...

Le mie vacanze le passo a Silba e non potrei più farne a meno.



..mi date forse torto?

 se cercate più info cliccate qui

Lucia

11 commenti:

  1. Lucia questa è una delle cose che amo... la condivisione.. senza di te non avrei mai conosciuto un posto così... un luogo che solo dal tuo racconto mi fa venire una voglia pazzesca di andarci, di sparire, di staccare tutto... sono sicura che starei bene tanto bene.... almeno per un bel po'....
    grazie Lucia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà sono molto gelosa della mia isola...ma chi apprezza questo luogo anche solo dalle foto non può non averne cura...ti aspetto?


      Elimina
  2. Ciao Lucia!sn "arrivata" x caso al tuo blog ke leggo in silenzio da un pò...questo bellissimo post mi costringe a "uscire allo scoperto"!Bellissima Silba...mi hai fatto venir voglia di conoscerla..apprezzarla...
    ...ma tu vieni da lì?
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Laura,
      ufficialmente ben arrivata al blog!!

      no io non vengo da Silba..ma spesso mi rifugio lì!! occhio però, perché una volta scoperta l'isola non potrai più farne a meno..

      Elimina
  3. In ogni tua parola e in ogni tua foto si vede l'amore che hai per questo luogo! Come primo impatto non so se ce la farei a stare così isolata (è un mio forte limite) ma credo che un'isola così ti possa rimettere in pace con il mondo! Chissà magari un giorno ci incontreremo lì! Io per altro adoro la Croazia e l'ho girata molto, ma Silba proprio non la conosco!
    Arianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. isolata sì, ma in pace col mondo...
      non vedo l'ora di tornarci!!

      Elimina
  4. martina cavallet8 maggio 2014 15:51

    Credo che le amicizie di una vita dovrebbero poter condividere certe esperienze....

    RispondiElimina
  5. Ciao Lucia,
    sono capitata per caso nel tuo spazio....cercando proprio notizie su Silba. Consigliata da un'amica, quest'anno ho deciso di trascorrerci una settimana ad agosto. Non vedo l'ora!!!!
    Mi attira davvero tantissimo.
    Leggevo i tuoi consigli: costumi e jeans.... uniche cose indispensabili....e ti prenderò alla lettera.
    Se hai qualsiasi consiglio e/o suggerimento, ti ringrazio davvero tanto
    Ciao
    Daniela

    RispondiElimina
  6. daniela vedrai sarà meraviglioso!
    io parto fra non molto e starò lì fino a fine agosto!

    ovviamente ricorda attrezzatura per fare snorkling e cosa ancora più importante: a silba non esistono farmacie!!!!
    per qualsiasi dubbio/info contattami pure, vedrai che l'isola è talmente piccola che le nostre strade si incroceranno!

    fai buon viaggio, ottima scelta!

    RispondiElimina
  7. Ciao Lucia,
    scusami se ti disturbo, ma volevo chiederti un'informazione:
    ho provato a prenotare il traghetto da Zara a Silba , ma ho ricevuto questa mail:
    passengers are buying tickets in the ferry port Gaženica.

    Cosa mi consigli?

    Grazie

    RispondiElimina