mercoledì 17 settembre 2014

La mia edicola: MADE IN PAPER e PEGGY JOURNAL

La sensazione che si prova a stare di fronte ad un'edicola ben fornita non ha prezzo.

I giornali che non incontrano il mio gusto purtroppo occupano sempre più spazio negli scaffali, tanto è vero che sempre più spesso mi ritrovo a sfogliare fantastici magazine on line...

Non potete immaginare lo stupore con cui oggi mi sono affacciata all'edicola e mi sono saltati alla vista due giornali che 
1- non avrei mai pensato di trovare
2- non avrei mai pensato di aggiudicarmeli fidandomi solo della copertina

andiamo con ordine:




questo giornale mi stuzzicava da tempo, purtroppo ho perso la prima uscita.
E' un bimestrale e la redazione è tedesca.

Lo dice il titolo, qui si sfogliano pagine che riguardano il mondo della carta.
Attenzione, il giornale non si limita a descrivere un uso ordinario e monotono della carta, anzi qui si sfogliano pagine che parlano di carta nell'arredamento, carta per gli inviti, carta per le decorazioni, per le nozze, per il gioco dei bambini...




I 5,90€ che ho speso non sono stati buttati,
è vero, dal mio punto di vista non ho trovato novità ecclatanti che non si siano già viste nel web, ma il fatto che l'impronta sia internazionale ha reso interessante alcuni dettagli (che a parer mio fanno la differenza):

è ben fornito di indirizzi web da visitare, negozi on line per gli acquisti di pezzi d'arredamento molto particolari, link a siti di produttori, blog e shop che vendono materiale che appartengono a questo mondo.



Si parla di stationary, partecipazioni di nozze, trovate indirizzi per download gratuiti, micro recensioni di libri che trattano di materie specifiche, interviste a famose artiste della carta, diy, consigli utili e pratici per chi si affaccia a questo mondo per la prima volta... 




Le foto sono molto utili per capire i passaggi dei tutorials, le pagine sono colorate e sfogliarlo è un vero piacere.
Confesso che dalla prima pagina mi sono munita di i-Pad alla mia destra per navigare in tempo reale ai diversi link consigliati e questa cosa mi piace da morire.




L'idea che una redazione tutta italiana abbia iniziato una tale avventura mi fa davvero solo piacere, non stavo nella pelle quando nei giorni scorsi venni a conoscenza di questa novità.


Per questo motivo le aspettative erano altissime e per qualcuno sembrerò troppo critica, lo faccio perché spero che con il passare del tempo il giornale migliori sempre di più fino a superare le mie aspettative.

Ragazze, qui la copertina spacca.
Innanzitutto non è patinata, l'effetto mat è originale come il font che hanno scelto per i titoli.
Io non adoro il crochet, quindi sui contenuti non posso tanto dire la mia, ma ho scoperto indirizzi web che non conoscevo, ricettine autunnali gustosissime, e negozi on line davvero carini.
Anche sfogliando questo giornale mi sono munita in tempo zero di i-Pad.




Simpatica l'idea di rimandare i tutorial al canale You Tube di Peggy Journal, e le pagine finali sono tutte dedicate agli schemi del crochet e ai Do it yourself.
Davvero spiegazioni accurate. 
Le foto, i colori, gli styling mi convincono.





Carina la parte dell'handmade che non ha nulla a che fare con l'uncinetto, interessante l'intervista all'uomo dei ferri da maglia, ma alla fine un terribile dubbio mi è rimasto:

è un giornale rivolto prevalentemente a chi sa usare i ferri dell'uncinetto? 

Nel dubbio l'ho sfogliato diverse volte e la sensazione è sempre la stessa:
 il tema principale è il crochet e forse, proprio perché l'argomento non mi attira più di tanto (sono una frana), il giornale mi è sembrato rivolto soprattutto a quel target specifico. 
...o forse è la caratteristica di questo primo numero?

Inoltre, mi azzardo, avrei usufruito di un prezzo offerta lancio (io l'ho pagato 5,90€) e avrei aggiunto qualche evento tutto italiano a cui partecipare e ovviamente non solo per il mondo dell'uncinetto.

Per concludere, l'idea che ci sia un giornale tutto italiano che affronti il tema dell'handmade aggiungendo gusto e stile alle pagine mi piace davvero molto, ma il prossimo numero me lo aspetto un po' più a 360°!

Peggy Journal in bocca al lupo e benvenuto tra i magazine della mia edicola personale!!


...e voi cosa aspettate?
Correte in edicola!!!
Lucia


11 commenti:

  1. Interessante, sono due riviste che non conoscevo. Grazie Lucia, domani guarderò anch'io in edicola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che possa essere stata utile!!

      Elimina
  2. Ciao Lucia! Posso chiederti dove hai trovato Made in Paper? perchè vado direttamente in quell'edicola! Qui a VI non lo vedo. Su Peggy journal stessa identica impressione, un pochino mi ha delusa... Grazie! ps è la prima volta che scrivo quindi devo assolutamente farti i complimenti per il blog e soprattutto per le tue bimbe fantastiche! Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura grazie!!!
      io ho trovato i giornali in una banalissima edicola al supermercato a Bassano....ce n'erano solo 3 copie e figurati mi sono fiondata!!! immaginati la mia sorpresa!
      buona ricerca,
      non demordere!

      Elimina
  3. Li comprerò di sicuro! Grazie per le informazioni!

    RispondiElimina
  4. Uff non riesco a trovare Peggy.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mollare...con tutti gli aeroporti in cui vai prova in una di quelle edicole, gli aeroporti nascondono veri tesori!!!

      Elimina
  5. Potrei sapere che editore italiano pubblica/distribuisce Made in Paper? O addirittura potresti scrivere il numero del codice a barre che si vede in copertina? Cerco in tutti i modi di rintracciarlo, grazie!
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania,
      adesso sono fuori casa, ti lascio la loro pagina fb così puoi chiedere direttamente a loro!!
      https://www.facebook.com/madeinpapermagazine?ref=ts&fref=ts

      oppure clicca sopra a MADE IN PAPER dentro al post e ci arrivi direttamente!
      buona ricerca!

      Elimina