giovedì 31 luglio 2014

24 ore insieme e la strana malinconia

Sto vivendo la terribile sensazione di sentire mia figlia maggiore lontana da me.
Eppure, alla fine dei conti passiamo insieme 24 ore al giorno.
Forse perché siamo in vacanza e viviamo con un ritmo diverso, 
forse perché piove malinconicamente da due giorni,
forse perché per fortuna la Pippi gioca un sacco con i suoi cugini e di tempo per la mamma (se non per tentare il capriccio ebete) non ce n'è a sufficienza..
Sinceramente non riesco a capire e a darmi una valida ragione,
sta di fatto che la sento lontana, come se stesse crescendo senza il mio aiuto.

Saperla indipendente nella vita che fa mi rende molto orgogliosa come mamma, eppure ad una certa ora della giornata ho bisogno di stringerla a me e sentirla ancora piccina...

Da quando è nata l'UmpaLumpa sono stati pochi i momenti in cui abbiamo passato del sano tempo solo noi due insieme, a raccontarci le nostre cose, a fare le nostre camminate e a viziarci con un bel sacchetto pieno zeppo di caramelle...
Quelli fin'ora trascorsi li ricordo perfettamente.

Forse mio marito tutt'oggi sottovaluta la necessità che una madre ha di avere anche un rapporto esclusivo con ciascuno dei propri figli. 
Io sono convinta che sia fondamentale per instaurare un rapporto più sincero perché i bimbi non lo dicono, ma fanno di tutto per farti capire che ne hanno bisogno.

Da quando la Pippi va all'asilo passo molto più tempo con la piccolina, e quando la grande torna a casa mi divido a metà per non far mancare niente a tutte e due.
Non avendo la tata e avendo il parentado con libere professioni posso solo prendere al volo alcune felici occasioni di babysitteraggio...e spesso quel tempo libero lo dedico a qualche uscita con il marito o ai miei hobby o lavori e faccende da terminare.
Le mie bambine giocano sempre insieme e sono bambine felici, e per di più complici,
ma io oggi, 
31 luglio 2014,
mi ritrovo ad avere la sensazione di perdermi un pezzo di Camilla e la cosa mi fa sentire strana.

Scattano i sensi di colpa, i mille se e i mille ma, 
ci penso, ci rimugino da diverse ore, ma l'unica cosa che mi fa stare meglio è il pensiero di poter passare del tempo sole tra noi due, lontane dal nostro quotidiano.
Io lontana dalle necessità di sua sorella e lei lontana dalla mamma che si dedica anche alle necessità di sua sorella.

Non so cosa darei per passare qualche giorno sola insieme a lei prima che ricominci l'asilo,
e non so cosa darei perché mio marito si facesse da parte con Amore e ci lasciasse semplicemente andare.
Così per ritrovarci.

Io desidero l'happy ending!

www.sharoninauburn.piccsy.com
via Pinterest

Lucia

mercoledì 23 luglio 2014

Ghirlanda di latta e lucine - DIY

Vi ho mai detto che mio marito è uno di quei tipi che sanno aggiustare tutto, uno di quelli che se mollasse il suo lavoro a tempo pieno e si mettesse a fare del suo hobby una professione diventerebbe ricco, uno di quei tizi che ti monta una cucina Ikea in 2 giorni, un divano in 30 minuti, attacca chiodi con la stessa velocità con cui io infilo la fisiologica nel naso delle bimbe e che in vacanza ha sempre un avvitatore in mano?

Bhè ecco, ve lo dico ora.
Mio marito si nutre di bricolage.

Per preparare questo tutorial ho dovuto chiedere il suo aiuto perché di mani ne ho solo due e confesso che stranamente siamo giunti ad una ovvia e banalissima conclusione in tempo zero:
"Tu il martello ed io la macchina fotografica".

La ghirlanda di latta e lucine che sto per mostrarvi non è poi difficile da realizzare, intendo dire che non dovete essere per forza munite di un marito che abbia 2947576027571 attrezzi in garage.
Il fatto è che lui li ha e a me è risultato più comodo approfittarne...anche perché io, ai suoi 3750174628945125489 attrezzi non posso nemmeno avvicinarmi. Ho il veto assoluto. 

..e poi vogliamo dirla tutta?!? 
Lui le foto non le sa fare.
Ecco l'ho detto.

Collezionate vasi di latta della dimensione che preferite.
Rubate dalla cassetta degli attrezzi del marito un martello, un chiodo, una morsa e un pezzo di legno su cui poter battere.
Riciclate fil di ferro da cucina e un filo di lucine led.


Fermate al tavolo di lavoro il pezzo di legno da infilare nella latta. 
L'ideale sarebbe fissarlo con una morsa proprio come nella foto qui sotto.
In questo modo il chiodo trova resistenza e la latta non si piega. 



Infilate la latta e con chiodo e martello forate la superficie creando delle figure o semplicemente battete il chiodo ad cazzum
(tradotto: fate i fori dove volete).


Fate un foro alla base della vostra latta


Infilate la prima lucina e per far sì che non esca dal foro annodateci intorno il fil di ferro da cucina



Ripetete l'operazione per il numero di lucine che avete nel filo



Sentitevi liberi di colorare la ghirlanda con colori spray o di impreziosirle con dei nastri o washi tape di vostro gusto, non limitatevi mai con la fantasia!
...anche se spesso Less Is More!


Durante l'Estate si dovrebbe mangiare all'aperto più volentieri e un po' di luce tenue non dovrebbe guastare!




Tutti a mangiare all'aperto!
...certo, pioggia permettendo...

Lucia





lunedì 21 luglio 2014

#UnderWaterWorldfun - Must Have Summer 2014

Molti di voi avranno già fatto e disfatto le valigie e i ricordi dell'estate magari saranno ormai lontani.

A qualcun'altro invece mancherà ancora qualche crocetta da segnare nel calendario e l'attesa della partenza si farà sempre più snervante...

Bene.
A tutti voi che siete in ufficio legati alla sedia a sognare il giorno della vostra partenza dico:
sappiate che non tutto il male vien per nuocere.. quindi, se siete ancora in tempo a la vostra è una meta marina, fiondatevi nel primo negozio e acquistate il pezzo forte per questa Estate 2014.

Io ne sono venuta a conoscenza proprio l'estate scorsa e da allora non passo giorno al mare senza la mia Nikon Coolpix S32 nella borsa...
#chenonsisamai!

www.nikon.it
Piccola, compatta, estremamente funzionale, colorata, foto nitide, ma sopratutto tra le varie funzioni è anche 
 WATERPROOF...

Tradotto:
divertimento in acqua assicurato.

E' semplicissima da usare ed è a prova d'urto, e anche se all'inizio sembra contro natura ci si può tranquillamente immergere
con la macchina fotografica in mano e immortalare tutte le meraviglie marine che si trovano sotto ai nostri piedi.

Silba estate 2013
no filter

Silba estate 2013
no filter

Silba estate 2013
no filter
Silba estate 2013
no filter
Silba estate 2013
no filter
L'unica accortezza sta nell'immergersi in un mare pulito e il più possibile cristallino e una volta tornati a casa risciacquarla con acqua dolce.

Vi assicuro che si passano delle ore sott'acqua a fare gli ebeti pur di avere una foto o un video #UnderWaterWorld!
Ho visto amici fare delle capriole improbabili e ridere a crepapelle rischiando l'annegamento, o i più paurosi sfatare ogni dubbio e andare in apnea giù "in fondo al mar".. e vogliamo parlare delle amiche che per l'occasione si trasformano in vere sirene?

E così ieri, io e mia sorella (la numero 2 quella che vive in Provenza) l'abbiamo utilizzata con alcuni dei nostri bambini che finalmente si sono ambientati tra le onde del mare di Silba...
a dirla tutta non so chi si sia divertito di più, 
loro o noi?!?







Tutte le foto le abbiamo fatte sott'acqua cercando di mettere a fuoco velocemente e stando il più ferme possibile, come potete vedere il mare ieri era un po' mosso, ma ho preferito lasciare le foto originali perché nonostante tutto, gli scatti sono chiari e nitidi.

Se mi seguite anche su Instagram avrete capito che questa vacanza per me finirà a fine Agosto (Yesss!) e quindi le occasioni per fare foto alla mia Summer Crew non mancheranno!

 Se siete già in possesso di una macchina fotografica subacquea o se avete intenzione di cimentarvi in questa nuova disciplina olimpica

usate l'hashtag
#UnderWaterWorldfun
e taggate 
@BubblesBeforeBed 

sono curiosa di veder anche i vostri scatti!

Have fun!
Lucia






giovedì 10 luglio 2014

#52fotodiVoi/ 14

Lo sapevo che mi sarei ritrovata in questa situazione. 
Lo sapevo, lo avevo previsto.
Ho mille idee e progetti, le mani che fremono, la mente che vola e...
Zero tempo per poterle realizzare.

La mia lista di cose da fare è lunghissima e non vede luce, la mia programmazione settimanale ha subito qualche inesorabile intoppo, il blog, i post, le foto, gli appuntamenti, il negozio...tutto sempre rimandato. 
E non mi piace.

Essere una mamma senza baby sitter per forze di causa maggiori
(leggi no money no baby sitter) fa sì che durante il periodo estivo io mi ritrovi ad avere sotto la mia unica attenzione tutte e due le polpette.
Tutto il giorno tutti i giorni.
7 giorni su 7, 24 ore su 24.
Sempre.

Durante il giorno mi dedico totalmente a loro trasformandomi in un pagliaccio giocattolo, e di notte cerco di portare avanti il lavoro, faccende di casa comprese.

Non mi sento un'eroina per quello che cerco di fare, continuo a sentirmi una privilegiata, ma per carattere mi dispiace non riuscire a fare bene tutte le cose che devo e voglio fare.
Così mi rendo conto che le settimane passano e trascuro la mia isola felice, il mio blog.
Da qui nasce tutta la mia frustrazione.

La Pippi rischia di cadere nella noia ogni volta che vado in bagno a fare pipì, ha sempre bisogno di essere stimolata e occupata a fare qualcosa, fino a quando dopo cena decide che è arrivato il momento di spegnere le batterie. Io esaurita in tutti i sensi, lei pronta per chiudere angelicamente gli occhi e ricaricarsi per il giorno successivo.
L'Umpalumpa vorrebbe fare tutte le cose che fa sua sorella con risultati disastrosi...ad oggi ho dei Picasso sulle pareti e sui mobili, si è tinta i capelli di verde, ha avuto un incontro ravvicinato con la tazza del water e rischia la vita ogni volta che giocano a rincorrersi. 
E in tutto questo caos non cedo alla tentazione del piazzamento di fronte alla tv.

Se ci fosse il sole sarebbe tutto più facile, trascorrere il tempo all'aperto è sempre stato il mio forte e onestamente i colori, la carta, il pongo, la colla e i pennelli cominciano a scarseggiare...

Trasformare il tempo in qualcosa di piacevole e interessante per i bambini è una delle cose più difficili che esistano.
Soprattutto se questi bambini hanno età e di conseguenza capacità ed esigenze diverse, senza dimenticare che ogni giorno deve essere diverso da quello precedente!!!

Ma va tutto bene eh..soffro di una terribile nostalgia per le maestre dell'asilo e sono solo un po' esaurita!

Oggi le ho trovate tutte e due dentro al lettino della piccola, e io senza alcun senso di colpa le ho lasciate lì in gabbia... era così bello sentirle ridere e soprattutto saperle ferme in un posto che le ho lasciate sole e ho iniziato a preparare le valigie.


#52fotodiVoi/14




Sabato partiamo per Silba,
lì saremo circondate dal minimo indispensabile e con il mare a 200 metri da casa e i cugini con cui giocare sarà tutto più facile. 
Io mi porto via il computer e spero di riuscire a rifugiarmi alcune volte per tornare qui su queste pagine a scrivere e leggere di voi..
me lo auguro perché fino a settembre rimaniamo lì!

...dunque, che l'estate abbia inizio!

Lucia

lunedì 7 luglio 2014

Idea regalo - Foto e packaging

Vi avevo già parlato della facilità con cui stampo le foto grazie a Polagram in questo post.

E vi avevo anche avvisati...attenti, Polagram crea dipendenza.

Sono passati diversi mesi dal mio primo acquisto e devo confessarvi che io sono ancora nel bel mezzo del tunnel...non è che non riesco a vederne l'uscita, la verità è che non voglio proprio uscirne!

Trovo che sia un peccato tenere le foto dentro a delle cartelle nel computer e questa App mi ha davvero aiutato a dare vita alle mie foto.



Pochi clic direttamente dal telefono e in men che non si dica si riceve la busta nella cassetta delle lettere.

L'ultimo ordine l'ho richiesto in formato 10x10 e ho scelto di stampare le foto del picnic delle mie bimbe.


Ho pensato di preparare una scatola carina dove poter custodire le stampe e regalarle ad una persona molto cara...




Se anche voi volete usare Polagram ricordate al momento dell'ordine di inserire questo codice:

PG80ARKR

In questo modo avremo entrambi diritto a degli sconti immediati, potete inserire il codice ogni volta che farete un ordine!




 Io adoro regalare foto,
quando poi sono accompagnate dal giusto packaging ancora di più!

Lucia