mercoledì 12 dicembre 2018

Finally Amsterdam!

Era da tanto tempo che non prendevo un aereo e non mi facevo qualche giorno all'estero, o meglio, era da troppo tempo che non visitavo un posto nuovo.
Una mia cara amica si è trasferita ad Amsterdam per seguire il lavoro del marito,
ha fatto le valigie dall'America e insieme ai suoi figli è rientrata in Europa per un breve periodo.

Haarlem
Penso di aver atteso giusto un paio di mesi (scarsi) per permetterle di trovare casa e di ambientarsi, poi in un momento di pura follia ho prenotato un volo per me e le mie bambine.
Diciamo pure che il conto in banca e le tasse incombenti non mi avrebbero dovuto lasciar cadere in questa tentazione, ma sapete cosa vi dico?!?!
...che se uno sta a guardare tutto, ma proprio tutto, non si godrà mai la vita.
E io, vaffanculo, la vita adesso me la godo.
Easy-jet ci ha portato ad Amsterdam con un volo diretto di un'ora e mezza, e non appena abbiamo messo piede nel suolo olandese ci siamo abbracciate tutte e tre.

Amsterdam
Amsterdam
In queste cose le mie bimbe hanno una specie di radar, è come se capissero/sentissero le cose che mi riempiono di orgoglio e che per me sono davvero importanti; e riuscire semplicemente a farle viaggiare, portarle fuori dalla loro comfort-zone, far sentire altri accenti, far loro assaggiare altri piatti, far vivere nuove abitudini- potrei continuare all'infinito- insomma, riuscire a mostrare che al di là di un confine c'è altro, c'è molto, bhè questo mi riempie di orgoglio.

In contemporanea io mi nutro della loro curiosità, del loro stupore di fronte ad abitudini diverse:
adesso sono convinte che in tutte le case olandesi i saponi nei bagni siano solo elettrici, che le biciclette siano l'unico mezzo di trasporto degno di essere chiamato tale (perché in Italia no mamma?!?), che le crepes possono essere anche salate e sostituire un perfetto pranzetto della domenica e che se presti un pò di attenzione si possono capire delle parole dette in inglese, proprio le stesse insegnate in italia da teacher Paula, tutta quella fatica tra i banchi di scuola magicamente si trasforma  in qualcosa di utile!
Amsterdam

Amsterdam era una delle mie mete desiderate da diverso tempo, e caspita se avevo ragione, ma Haarlem, la città in cui abbiamo alloggiato si è rivelata un perla carinissima che dovete visitare se vi trovate in zona!!!!

Haarlem

Haarlem
Al di là del fatto che ho pedalato come una matta, e che con la mia amica abbiamo trascorso giornate come ai vecchi tempi fatte di chiacchiere e cappuccini lunghissimi, sono tornata a casa con gli occhi pieni di meraviglie.
Ho passeggiato sempre con il naso all'insù, vedere Haarlem dalle finestre dei tetti della soffitta è davvero...wow! La città di Amsterdam è caratterizzata da questa architettura così particolare che ti propone facciate dei palazzi davvero singolari, ognuna diversa dall'altra, per colore, struttura, dimensione e decorazione.
La mia vista non si è mai annoiata, anzi. Volevo circondarmi di stimoli nuovi ogni giorno.
Ecco allora le pedalate percorrendo strade diverse di volta in volta, i mulini a vento, i canali, le finestre delle case piene di lucine natalizie e luci soffuse di candele.
e i negozi...ohhhh i negozi!

Sjakies

Petit Depot

Petit Depot


Petit Depot

By Nouk

Zone commerciali a parte, quelle dove puoi trovare Zara, H&M e Mango (rigorosamente glissate) io ho concentrato tutti i miei acquisti per i regali di Natale nelle piccole botteghe olandesi.
Posticini dove ho lasciato pezzettini di cuore, scoperti solo ed esclusivamente perché volontariamente ci siamo perse tra le viuzze della città.
Tutte queste piccole realtà commerciali sono fatte di prodotti molto ricercati e singolari, mescolati ed esposti tra gli scaffali del negozio con gran gusto, anche la più banale fioreria di paese ti lascia a bocca aperta. Il titolare è capace di regalarti un tulipano solo per il gusto di farti felice, di chiederti qualcosa a proposito dell'Italia o, come ci è successo, di mandarci fuori dal negozio perché indossavamo un piumino di vera piuma d'oca.
Sono strani questi olandesi eh,
hanno delle piste ciclabili che fanno invidia, però sfrecciano insieme a motorini rigorosamente senza casco.
Ho visto tanti bimbi, ho visto tanti papà in paternità a spasso con i bimbi. 
Vento, gelo, pioggia, nulla li ferma, e noi come loro non abbiamo perso un colpo!
Non abbiamo visitato i canonici musei che Amsterdam propone, quelli li visiterò io quando tornerò in primavera previa prenotazione online, ma il museo della scienza N.E.M.O. è stato davvero interessante, abbiamo fatto esperimenti in prima persona e nessuno di noi voleva più uscire!

N.E.M.O.

N.E.M.O.

Mi avete seguita nelle ig-stories e in moltissimi mi avete chiesto indirizzi utili,
io vi lascio una lista qui sotto di negozi carini dove ho acquistato diverse cosuccie , ma vi prego, se vi trovate ad Amsterdam o nelle cittadine dei dintorni, camminate semplicemente senza meta e di sicuro vi troverete di fronte a negozietti fuori dal comune!


PROFILI IG
DA SEGUIRE PER VEDERE AMSTERDAM E DINTORNI:



NEGOZI SUGGERITI:

https://www.petitdepot.nl

https://www.bynouck.com

https://www.dille-kamille.nl/nl/

https://sostrenegrene.com

http://www.sjakies.com

https://wholesale.jansje.nl

Come vi accennavo sopra sicuramente tornerò in primavera,
ma la lista di città da visitare come sempre si allunga a vista d'occhio...senza contare che la mia amica si trasferirà a Boston nel giro di qualche anno, quindi potenzialmente potrei finire anche negli States!

Lucia